vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Unione Montana dei Comuni della Valsesia appartiene a: Regione Piemonte

Prenotazione Musei

Scheda del servizio

ECOMUSEO DELLA VALSESIA
Con deliberazione del Consiglio Regionale n. 518-3700 del 23 marzo 1999 è stato istituito l’ “Ecomuseo della Valsesia” e con D.G.R. 58-27123 del 19.04.1999 la gestione giuridica e il coordinamento dell’Ecomuseo della Valsesia sono stati affidati alla Comunità Montana Valsesia (ora Unione Montana dei Comuni della Valsesia).
L’Unione montana dei Comuni della Valsesia svolge la funzione di soggetto giuridico gestore dell’Ecomuseo e nel contempo coordinatore dei siti ecomuseali che compongono l’Ecomuseo medesimo, diffusi sul territorio di competenza, svolgendo una funzione di coordinamento, di indirizzo e supporto progettuale di valorizzazione dell’intero sistema ecomuseale, nonché controllo amministrativo e contabile con particolare riferimento alle pratiche di richiesta di finanziamento alla Regione Piemonte.

Il sistema ecomuseale valsesiano si configura come un sistema culturale e ambientale complesso ed eterogeno e pertanto, la Regione Piemonte, nella fase di istituzione, ha ritenuto di indirizzare la Comunità montana, quale soggetto gestore, a sviluppare il progetto ecomuseale attraverso l’individuazione di due sottosistemi distinti così denominati:
- “Ecomuseo del territorio e della cultura walser”
- “Ecomuseo del territorio e della cultura materiale contadina della Bassa Valsesia”;

Il sottosistema relativo alla cultura walser interessa oltre il territorio di più stretta cultura walser (comuni di Alagna Valsesia, Riva Valdobbia, Alto Sermenza dal 01.01.2018 (sino al 31.12.2017 Comune di Rima S. Giuseppe e Comune di Rimasco), Carcoforo e Rimella anche altri comuni (Mollia e Rassa) che per vicinanza geografica non possono ritenersi completamente estranei alle influenze di tale cultura;

Il sottosistema della cultura materiale contadina della bassa Valsesia ha interessato e coinvolto principalmente i comuni di Valduggia, Cellio con Breia dal 01.01.2018 (sino al 31.12.2017 Comune di Breia e Comune di Cellio);

All’interno del sistema ecomuseale valsesiano, per ogni sito, in accordo con i Comuni di riferimento, proprietari dei siti o aventi titolo per la fruizione degli stessi, sono state individuate delle Associazioni locali che collaborano con l’Unione montana (prima Comunità montana) e i comuni medesimi nell’ambito del progetto ecomuseale e spesso si occupano, a fronte di specifici accordi, della gestione, manutenzione, valorizzazione e animazione dei siti stessi, come nel caso di:
- Alagna Valsesia (Associazione Unione Alagnese)
- Riva Valdobbia (Associazione Culturale Walser Riva Valdobbia Valle Vogna)
- Rassa (Associazione Amici di Rassa Cruggia da Spinfoj)
- Rima S. Giuseppe (Alto Sermenza) (Associazione Laboratorio Marmo Artificiale e Associazione Turistica Pro loco di Rima )
- Rimella (Centro Studi Walser di Rimella);

Il sottosistema dedicato al territorio dell’alta Valsesia e alla cultura Walser è segnato dalla storia e dalle espressioni della cultura Walser, contrassegnata da straordinarie architetture in legno con tetti in pietra e da un’economia legata alla pastorizia. Gli allestimenti e percorsi ecomuseali documentano i diversi momenti della vita pastorale della gente Walser e le originali lavorazioni tipiche (ad es. il “marmo finto” di Rima, il Mulino-fucina di Mollia o il percorso del Legno e della Calce di Rassa).

I siti dell’Ecomuseo della Valsesia offrono numerosi spunti di visita. Ad Alagna le frazioni dei coloni walser, la segheria di Resiga, i forni per il pane, i mulini di Uterio, il forno per la calce di Merletti, il Walsermuseum di Pedemonte e le miniere d’oro di Kreas. A Riva Valdobbia i villaggi walser della Val Vogna lungo la “Via Regia” e la casa-museo di Rabernardo. A Mollia il secentesco mulino-fucina di Piana Fontana e la fattoria di Grampa. A Rassa la segheria di Brasei, la bottega del falegname, le carbonaie, i caratteristici “cantoni” (frazioni) e “scrugge” (abitazioni) e i forni della calce. A Carcoforo e Alto Sermenza le tracce della colonizzazione walser, la Bottega-Laboratorio del marmo artificiale di Rima e la Gipsoteca “Della Vedova”. A Rimella li più antichi insediamenti walser della Valsesia, il Museo Filippa, la “Casa Vasina” , gli alpeggi e la vita dei pastori.
Nella Bassa Valsesia: le testimonianze del mondo contadino con il museo degli antichi mestieri e il torchio a Cellio con Breia, “Casa Spagna” a Valduggia, terra natia di Gaudenzio Ferrari, e i “taragn” (case rurali con il tetto di paglia) di Sorzano.

A seguire si indicano i link per visionare gli eventi, ricevere informazioni e prenotare visite guidate presso i siti ecomuseali facenti parte dell'ECOMUSEO DELLA VALSESIA.

Ufficio di competenza

Nome Descrizione
Responsabile Novarina Marzia
Indirizzo Corso Roma 35
Telefono 0163.51555 / 53800
Fax 0163.52405
EMail novarina@unionemontanavalsesia.it
PEC cert@pec.unionemontanavalsesia.it